Friday, December 24, 2010

Buon Natale e felice anno nuovo a tutti i lettori di questo blog.


Arrivederci al nuovo anno!

Wednesday, December 15, 2010

Italia terza al mondo per pressione fiscale nel 2009

.. e penultima tra i 33 paesi OCSE per occupazione giovanile...
Solo Belgio e Danimarca ci superano.

Un estratto dall'articolo che vi propongo:
"In Italia solo il 21,7% dei giovani tra i 15 e i 24 anni è occupato, contro una media Ocse del 40,2%."



http://www.corriere.it/economia/10_dicembre_15/fisco-italia-alto_45f3dc34-083f-11e0-b759-00144f02aabc.shtml

Tuesday, December 14, 2010

L'aborto in Irlanda, una legislazione controversa

Domani sera andrá in onda come di consueto Bloomcast, argomento della serata sará l'aborto, oramai legale praticamente ovunque in Europa. Molti probabilmente non sono a conoscenza del fatto che in Irlanda l'aborto é illegale in ogni forma e consentito solo in caso di pericolo di vita per la madre. Questo paese 20 anni fa era completamente diverso, sotto influenza della chiesa inusuale in Europa.
Se l'argomento vi intriga Bacco e Lyndon vi aspettano domani sera 15 Dicembre alle ore 22 italiane sul canale ustream di Bloomcast al link qui sotto:

http://www.ustream.tv/channel/bloom-cast

Wednesday, December 8, 2010

Bloomcast, puntata 8 Dicembre 2010. Siamo alla fine della sovranitá popolare irlandese?



Oggi 8 Dicembre é andata in onda un'altra puntata di Bloomcast. Si é discusso riguardo la crisi Irlandese, l'intervento dell'IMF e la perdita di sovranitá popolare del paese. Si é discusso anche del futuro dell'Irlanda, un grosso interrogativo.


Il problema di questo paese é che si é deciso di nazionalizzare il debito delle banche che erano, fino a 2 anni fa, aziende completamente private. Il colpo di grazia é arrivato con il prestito dell'IMF di circa 85 miliardi di euro accettato senza consultare il parlamento, che ha in tutti gli effetti nazionalizzato le perdite delle banche e reso il debito pubblico come debito delle banche agli occhi degli investitori. Ecco perché gli interessi sugli bond governativi erano cresciuti cosi tanto negli ultimi mesi, i mercati temevano una tale mossa.


Due anni fa sarebbe stato possibile far fallire le banche e garantire i depositi, oggi purtroppo le cose stanno diversamente. Il paese ha garantito i bondholders, ovvero gli investitori di capitale non di rischio. Gli azionisti hanno giá perso tutto tempo fa. Gran parte del denaro investito in bonds emessi da banche irlandesi é provenuto dall'Europa. C'é stata una corsa, spinta dal differenziale di interessi tra Germania ed Irlanda. Le banche europee prestavano denaro che veniva reinvestito in Irlanda dove l'economia in crescita e di recente in piena bolla garantiva interessi piú alti. 


C'é stata una mancanza di controlli sia in Irlanda che in Europa. Se oggi le banche irlandesi fallirebbero ci sarebbe una ricaduta economica in Europa, visto che una miriade di risparmiatori europei andrebbe in contro a delle perdite. Per questo motivo si é deciso di spingere l'Irlanda ad accettare il prestito dall'IMF e garantire i bond holders. Un disastro, un completo, l'aberrazione di ogni principio di economia liberale e moderna. Profitti privati, perdite nazionalizate. Ecco cosa é successo.


Purtroppo questo governo ha accettato il prestito per mascherare i propri errori emessi prima della crisi e durante la crisi con Nama, ed oggi per non ammettere tutto ció ha siglato il contratto che potrebbe portare alla  banca rotta il paese a meno che non ci sia una estrema ripresa dell'economia, che nonostante, tutto non vá proprio male.


Se volete approfondire l'argomento seguite la puntata in differita di Bloomcast andata in onda oggi 8 Dicembre alle ore 22 Italiane. Ecco il link alla puntata:


http://www.ustream.tv/recorded/11325994



Altri link utili
Link alle puntate precedenti:

email: bloomcast@gmail.com

Tuesday, December 7, 2010

Bloomcast, puntata 8 Dicembre 2010. Siamo alla fine della sovranitá popolare irlandese?

Oggi 7 Dicembre é iniziato il dibattito sul Budget 2011, l'equivalente della nostra finanziaria. Domani sera non mancate al solito appuntamento con Bloomcast. Si discuterá al riguardo, cercando di rispondere al quesito che molti si pongono in Irlanda: abbiamo perso la sovranitá popolare? Se si, di chi é la colpa? Dell'IMF? Del governo? O dell'unione europea?

Se siete curiosi non mancate, vi aspettiamo domani sera 8 Dicembre alle ore 22 italiane. Ecco il link al canale ustream su cui seguire la puntata domani sera, condotta da Bacco e Lyndon:

http://www.ustream.com/channel/bloom-cast

Monday, November 15, 2010

Bloomcast - Puntata 5. Default irlandese: gli scenari possibili di una deriva economica

Mercoledi 17 Novembre Bloomcast si occuperá di un argomento sotto la luce dei riflettori negli ultimi giorni, "Default Irlandese, gli scenari possibili di una deriva economica". L'argomento é scottante. Le opinioni sono diverse e creano forti divisioni. Sussiste un clima in cui le opinioni divengono una sorta di scommessa, difese con orgoglio e passione, assumendo un approccio puramente non scientifico nei riguardo dell'argomento.


Come sempre Bacco e Lyndon cercheranno di far chiarezza sull'argomento, questa volta insieme al sottoscritto. Per la prima volta saró in studio durante la puntata di Bloomcast durante la quale si cercherá di rispondere a domande del tipo:

  • Come si é giunti a questa situazione?
  • Esiste davvero il rischio di default? 
  • I nostri soldi in banca sono al sicuro?


Questa é solo un'anteprima, vi aspettiamo mercoledi sera alle 22 italiane per un ulteriore approfondimento!

http://www.ustream.tv/channel/bloom-cast


Link alle puntate precedenti:
http://www.ustream.tv/discovery/recorded/all?order=most-popular&q=bloomcast

Blog: http://bloomcast.wordpress.com
email: bloomcast@gmail.com

Wednesday, November 10, 2010

Bloomcast - Puntata 4. La sitcome Father Ted

Questa sera alle ore 22 Italiane non mancate al consueto appuntamento settimanale con Bloomcast, il settimanale condotto da Bacco e Lyndon sulla societá irlandese.

Father Ted é una sitcom andata in onda per la prima volta nel 1995 e divenuta un cult nel paese, per ovvi motivi. La regia e gli attori sono semplicemente geniali. La puntata sará molto interessante, le risate non mancheranno di sicuro. Non perdetela! Bacco e Lyndon vi aspettano, ecco il link presso cui seguire la quarta puntata:

http://www.ustream.tv/channel/bloom-cast

Altri links utili:
Blog: http://bloomcast.wordpress.com
Email: bloomcast@gmail.com

Puntate precedenti:
http://www.ustream.tv/user/bloomcast/videos

Saturday, November 6, 2010

Benvenuti al Sud

Se stasera siete in vena di un film comico e leggero, vi suggerisco Benvenuti al Sud, con  Claudio BisioAlessandro SianiAngela Finocchiaro e Valentina Lodovini. Un film diverso dal classico cinepattone che ha inondato le sale italiane per oltre un decennio. Un'ottima pellicola comica a mio parere.

Benvenuti al Sud é una pellicola che ha l'intento di dimostrare che i luoghi comuni , pur avendo un fondo di veritá, non dovrebbero essere l'unico elemento alla base di giudizio della popolazione di una particolare zona geografica. Il film é stato girato quasi per intero a Castellabate, un piccolo comune, direi una perla della provincia di Salerno, con meno di 10000 abitanti, patrimonio dell'UNESCO dal 1998, nella lista dei borghi piú belli d'Italia e bandiera blu negli ultimi dodici anni, senza interruzione.

Friday, November 5, 2010

Un paese dove la giustizia ha un significato

L'attuale governo Irlandese, formato da una coalizione composta da membri del  Fianna Fail e del Green Party, fu eletto con una larga maggioranza. Nonostante il forte sostegno da parte dell'elettorato al momento delle elezioni oggi il partito gode di un supporto estremamente basso. L'opinione pubblica Irlandese é estremamente attenta, informata ed influenzata dagli organi di informazione che godono di una forte libertá di espressione e ha punito il Fianna Fail.

Vorrei ricordare che l'Irlanda é nona nel 2010 nella classifica internazionale della libertá di stampa stilata dall'organizzazione Reporters Without Borders.

I motivi per cui il Fianna Fail ha perso posizioni negli indici di gradimento sono ovvi.

Wednesday, November 3, 2010

Bloomcast - Puntata 3. L'Irlanda e l'eroina, storia di una dipendenza

Questa sera é andata in onda alle 22 Italiane la terza puntata di Bloomcast. Il tema della serata é stato: "L'Irlanda e l'eroina, storia di una dipendenza". Bacco e Lyndon ci han guidato, con un mio piccolo intervento, attraverso la situazione negli anni 80 fino all'omicidio di Veronica Guerin, evento che scosse l'intero paese nell'estate 1996.  Se avete voglia di approfondire la vostra conoscenza di questo argomento seguite la puntata in differita al seguente link!

http://www.ustream.tv/recorded/10619347

Altri links utili:
Blog: http://bloomcast.wordpress.com
Email: bloomcast@gmail.com

In alternativa la puntata puó essere seguita dalla seguente schermata:












Thursday, October 28, 2010

Bloomcast - Puntata 2. I Commitments ed il Soul dublinese

Ieri sera é andata in onda la seconda puntata di Bloomcast, condotta da Bacco e Lyndon, con un mio piccolo intervento e dedicata al romanzo "The Committments", scritto da Roddy Doyle e parte della trilogia "The Barrytown Trylogy". Il romanzo é una fotografia dell'Irlanda degli anni 80, profondamente diversa a livello strutturale ed economico da quella odierna. L'Irlanda sembra aver accelerato il percorso del tempo, il paese in 25 anni é cambiato molto piú velocemente rispetto agli altri paesi europei.

Si é parlato della situazione economica e sociale dipinta nel romanzo. Ma l'Irlanda era davvero cosi?
Potete scoprirlo seguendo la seconda puntata di Bloomcast in differita, ecco qui sotto il link:

http://www.ustream.tv/recorded/10457362

Buon ascolto!!!

In alternativa é possibile seguire la puntata dalla seguente schermata.





A breve ci sará un post riguardo l'argomento della terza puntata.

Altri links utili:
Blog: http://bloomcast.wordpress.com
Canale Ustream: http://ustream.com/channel/bloom-cast
Email: bloomcast@gmail.com

Saturday, October 23, 2010

Bloomcast - Puntata 1 - L'Irlanda paleomoderna tra paura del cambiamento e rinnovamento.

Vi invito con gran piacere a seguire la prima puntata di Bloomcast andata in onda mercoledi 21 Ottobre alle ore 21 italiane. Si é parlato di paleomodernismo, ovvero la convivenza di elementi moderni ed antichi nella societá irlandese e di quella sorta di paura o mancata visione dell'utilitá del progresso, in special modo quando si tratta di opere pubbliche finanziate con denaro dei cittadini.


Bacco e Lyndon hanno condotto la puntata, arricchita da inserti musicali accuratamente selezionati, c'é stato qualche intervento da parte degli ascoltatori, distribuiti tra Italia, Irlanda e resto del mondo. Qualcuno ci ha seguiti addirittura dall'Australia. Ad un certo punto é possibile seguire un mio piccolo intervento in qualitá di economista. Temi trattati sono stati l'estensione della Luas, il tram di Dublino ed il progetto Metro North, soprannominato Necro North. Si é parlato anche si un oggetto misterioso, forse simbolo del paleomodernismo per eccellenza, che ha provocato nel corso degli anni della Celtic Tiger tanto dibattito tra gli italiani in Irlanda. Se siete curiosi di sapere di cosa si tratti, seguite la puntata...
Un indizio: "é un elemento presente in ogni abitazione, in forme diverse."


E' possibile seguire la puntata da questa pagina oppure dal link originale subito sotto la schermata video.

  


Link originale alla puntata differita
http://www.ustream.tv/recorded/10316640

Bloomcast blog
http://bloomcast.wordpress.com/

Saluti da Dublino

Tuesday, October 19, 2010

Bloomcast. Irish society, an Italian view

"Prima si scriveva su spazi definiti e si trasferivano i nostri flussi sotto forma di testo (blog), toccando delle corde e sinesteticamente  solo alcuni dei vostri sensi. Ma gli anni sono passati ed  il titillare è diventato troppo sobrio e statico. L’esperienza dei blog italo irlandesi, è nella maggior parte dei casi e per motivi vari, esaurita."

Non ci sono parole migliori per presentarvi Bloomcast. Son sicuro di poter leggere nelle vostre menti in questo momento una domanda: "Che cos'é Bloomcast?".

Bloomcast è un nuovo canale di comunicazione tra gli Italiani in Irlanda, fondato da due tra i piú celebri, secondo me, blogger italiani residenti sull'isola verde, Bacco e Lyndon. Per chi non li conoscesse, Bacco é stato uno dei coautori del blog Cavesi a Dublino fino agli inizi del 2010 mentre Lyndon é l'autore del famoso ed autorevole blog La Sindrome di Lyndon. Due personalità apparentemente diverse sui due blog appena citati ma in realtà con tanto in comune.

Bloomcast é una cast con la presunzione di trasformarsi in radio. Il dibattito diviene dinamico e non piú asincrono, il canale di trasmissione sarà la voce e non piú la tastiera. Sarà possibile intervenire durante la trasmissione via skype, semplicemente cercando l'utente Bloomcast ed aggiungendolo nella lista dei vostri contatti. Potrete rivolgere domande ai conduttori e ricevere una risposta allo stesso momento, senza dover attendere.

Si parlerà di Irlanda vissuta da chi cerca di integrarsi, si parlerà di Irlanda con spirito critico, questo paese sará passato ai raggi X perché noi lo viviamo come cittadini e ne apprezziamo tutti gli aspetti positivi ma non perdiamo di vista quelli negativi. Bloomcast è probabilmente qualcosa di unico tra gli italiani all'estero, lo é di sicuro in Irlanda.

Ho avuto l'onore di essere invitato ad intervenire alla prima discussione e sarò invitato a discutere su questioni di altro tipo nel corso degli appuntamenti settimanali. L’argomento della prima puntata sara’: We don’t need it. L’Irlanda tra paleomodernismo e paura del cambiamento. All'annuncio di ogni nuova infrastruttura c'é sempre clamore in questo paese, da parte dell'opposizione al governo di turno e della stampa, eppure quando l'opera vien completata, tutti sembrano cambiare opinione....

Vi lascio i links al blog ed alla pagina dove é possibile seguire la puntata settimanale.

Vi aspettiamo per la prima puntata, domani 20 ottobre alle ore 22 Italiane!!


Blog
http://bloomcast.wordpress.com/

Canale Audio/video dove seguire ogni Mercoledi alle 22 Italiane (21 Irlandesi)
http://www.ustream.tv/channel/bloom-cast


Friday, October 1, 2010

Google Street View Finalmente in Irlanda!

Google Street View ha impiegato un pó di tempo per arrivare in Irlanda. Ieri il grande annuncio.
Da un'occhiata alle zone che conosco sembra le riprese siano state compiute la scorsa estate.

Thursday, September 23, 2010

Culture Night in Dublin - 24 Settembre 2010

Questo fine settimana Dublino sará ricca di eventi piú del solito, insieme con l'Arthur Guinness Day che si celebra oggi per celebrare il mitico fondatore della Guinness, una delle birre piú famose al mondo , domani 24 Settembre un grosso e piuttosto interessante evento si terrá a Dublino ed in altre 20 cittá dell'isola.
Il sito web é ricchissimo di informazioni. Molti degli eventi sono completamente gratis.
http://www.culturenight.ie/

Wednesday, September 22, 2010

Dublino tra le 10 cittá europee meno inquinate

Secondo una ricerca eseguita tra il 2004 ed il 2008 su un campione di 221 cittá divise in 23 paesi, basata sui rilevamenti di Pm10, ozono e biossido di azoto, Dublino é tra le 10 cittá piú pulite d'europa. Roma si colloca al 181/o posto, Amsterdam é 81/a.

Tra le 30 cittá con i risultati peggiori 17 sono purtroppo italiane. I tre paesi con i risultati peggiori sono in ordine Bulgaria, Grecia ed Italia, seguita dalla Romania al quarto posto. All'altro capo della classifica, quello buono, troviamo Estonia, Svezia, Finlandia, Danimarca, Irlanda e Portogallo. 

Thursday, September 16, 2010

Dublin bikes compie un anno!

Un anno fa a Dublino parte il progetto Dublin Bikes, 20 stazioni con 450 bici da affittare tramite una carta annuale del costo di €10 o una iscrizione per 3 giorni al costo di €2. Era il 13 Settembre 2009. Dublin Bikes compie un anno!

Altre città Europee come Brussels, Vienna, Parigi, Barcellona e cosi via offrono lo stesso tipo di servizio e Dublino é entrata a far parte di questo gruppo di Cittá a pieno merito. In un anno solamente due bici sono state derubate e successivamente ritrovate. Non sono stati rilevati disordini, nessun problema particolare. 
Il concetto di questo servizio é aumentare il numero di persone che utilizzino mezzi ecologici di trasporto in Cittá. Il servizio ha un costo molto esiguo. La prima mezz'ora di affitto é gratis, la prima ora costa 50 centesimi di euro.

Wednesday, September 15, 2010

Il trascorrere del tempo ed il progresso


Dublin to Belfast route. 166 km
Dopo quasi cinque anni in Irlanda sabato scorso ho fatto la mia prima visita alla capitale dell'Irlanda del Nord, Belfast. Ho oltrepassato il confine piú di una volta, specialmente nel periodo in cui la sterlina si era svalutata, tuttavia mi mancava questa visita.

Belfast é completamente diversa da Dublino, il centro é molto simile a quello di una citta in U.K come Liverpool e Birmingham, che ho visitato non molto tempo fa. Ho notato delle similaritá con queste due cittá. Molte grandi cittá in U.K. hanno grossi centri commerciali in centro, con parcheggi e centinaia di negozi in queste "Mall" dove i consumagtori possono passeggiare come se fossero all'aperto, grazie a grossi finestroni al posto del tetto che permettono l'ingresso di grosse quantitá di luce, il che devo dire é estremamente piacevole.

Friday, August 13, 2010

Irish humour. The late Henry. Video divertente su Thierry Henry

Gli Irlandesi dicono di se stessi, ed alcune recenti ricerche lo confermano, "we are good to have a laugh". Cosa significa? Che sanno scaricare lo stress bene, prendendo la vita sul serio ma anche il tempo libero. Un Irlandese puó avere una giornata terribile, ma dopo le 5:30 puoi ritrovarlo al pub a chiacchierare del piú e del meno con il suo "best mate" o con qualcuno appena conosciuto, bevendo un paio di birre per poi ritornare a casa.

Monday, July 26, 2010

Dublino Cittá patrimonio dell'UNESCO per la letteratura

Quest post é dedicato all'Irlanda, un paese che ha dato lavoro a tanti cittadini europei e non, ed agli irlandesi, un popolo genuino, generoso e molto ospitale. Il post é anche dedicato a tutti quelli che quando fanno una affermazione usano il cervello e si basano su dati scientifici o raccolti scientificamente, tra cui il mio amico Bacco.

Questa é la grande notizia: Dublino é la quarta cittá ad essere eletta Patrimonio dell'UNESCO per la letteratura.

Thursday, July 1, 2010

A qualcuno piace il muco

Dopo lo stress e lo shock provocato ai tifosi italiani dai nostri amati connazionali, propongo un video antistress.
Mi rendo conto per alcuni potrebbe essere leggermente disgustoso, ma vale la pena guardarlo. Protagonista è l'allenatore della nazionale di calcio tedesca.

Buona visione!

Monday, June 28, 2010

L'Italia non è un paese per giovani

Vorrei segnalare un articolo presente sul sito del Corriere, sull'onda delle discussioni nate dopo l'uscita a dir poco umiliante della Nazionale di calcio dal mondiale in Sud Africa. Su questo blog e su altri si è discusso riguardo lo stato del nostro paese, dell'andatio  nella nostra società quando si parla di carriera. In ogni campo sembra ci sia lo stesso problema, poca meritocrazia, poca trasparenza. All'apparenza tutto funziona, ma quando ci si và a scontrare con sistemi che funzionano con più razionalità il paese, l'azienda, l'economia o la squadra di calcio in questione vengono sconfitti.

Saturday, June 26, 2010

L'arrivo della Nazionale a Fiumicino

La Nazionale Italiana di calcio è stata calorosamente accolta all'aeroporto di Fiumicino.
Un gruppetto di tifosi ha sfogato con passione la propria delusione. Si è parlato in vari blog di quale sia il motivo di cotanta "schifezza". Secondo me, e non sono l'unico a pensarla in questo modo, la nazionale riflette lo stato del nostro paese. Come nel mondo del lavoro, non sono i migliori ad arrivare in alto. Quando si compete poi con sistemi che funzionano maggiormente seguendo principi di meritocrazia arrivano le batoste e le figuracce.

Buona Visione

Thursday, June 24, 2010

Italia fuori dai mondiali in Sud Africa

Italia fuori dai mondiali
Unica consolazione, i francesi sono usciti fuori peggio di noi, non solo giocando male ma facendo una pessima impressione per via del loro stupido orgoglio.

Oggi sono triste ed incazzato.

Wednesday, June 23, 2010

La Regione Campania e le banche italiane. Riflessioni dopo una vacanza. Episodio 3

Terzo episodio di riflessione dopo una vacanza in Italia. Gli enti protagonisti sono l'Università di Salerno, la Regione Campania ed un ufficio dell'Unicredit Banco di Roma. L'episodio si svolge in una sede dell'Unicredit, ma è necessaria una introduzione, del tutto assurda, a questa storia assurda. Una somma di assurdità insomma.

Nel Dicembre 2005 mi laureai in Economia Aziendale, 5 settimane prima di arrivare a Dublino. Un percorso di studi difficile, come per tanti coetanei e concittadini, anni trascorsi tra lavoro e studio per autosostenersi. durante gli studi, ogni anno, sin dal primo, son stato titolare non concesso della borsa di studio. Che significa?

Tuesday, June 22, 2010

La "trappana all'aeroporto". Riflessioni dopo una vacanza. Episodio 2

Secondo post della saga "Riflessioni dopo una vacanza". Il post precedente racconta un episodio che prende vita all'aeroporto di Napoli Capodichino. Il secondo racconto riguarda una vicenda parallela avvenuta nello stesso luogo e nello stesso momento.

A chi non avesse letto l'episodio precedente, raccontato ieri, consiglio una veloce lettura prima di accingersi a deliziarsi con questo odierno.

Mentre ero in coda per il mio check in sulla mia sinistra noto un simpatico impiegato al banco del check in 36. Sono in aeroporto, in attesa di imbarcarmi per il mio volo di ritorno verso Dublino con Aerlingus. Il mio banco di check in è il numero 37, anzi 37 e 38 insieme.

Monday, June 21, 2010

L'aeroporto di Napoli. Riflessioni dopo una vacanza. Episodio 1.

Rieccomi dopo un lungo periodo di pausa, sono di nuovo a Dublino dopo un bel periodo di vacanza. Ho intenzione di scrivere un paio di post ispirati ad episodi poco piacevoli avvenuti durante questa pausa, trascorsa in parte in Italia. Questo è il primo, teatro dell'azione è l'aeroporto internazionale di Napoli, dove mi son recato la settimana scorsa per prendere il mio volo di ritorno verso Dublino, collegata a Napoli da Aerlingus per 6 mesi all'anno, 5 giorni a settimana.

Sorgerà spontanea la prima domanda: "Che cosa intendi dire con collegata a Napoli per 6 mesi all'anno? Come ritorni a casa al di fuori di questo periodo?"

Wednesday, June 2, 2010

Festa della Repubblica 2010

Nonostante le polemiche, nonostante il pessimo clima politico degli ultimi anni, continuo ad emozionarmi nei giorni riservati alla commemorazione per la nostra nazione. Da ragazzino sono stato membro di varie orchestre e di alcune bande musicali delle città limitrofi e della mia città per quasi 10 anni. Grazie a questa esperienza ho avuto modo di partecipare ogni anno alla Festa della Repubblica, insieme ad un gran numero di persone oramai anziane, di solito militari durante la grande guerra.

Tuesday, June 1, 2010

Disoccupazione giovanile in Italia, un vecchio dramma

Vorrei invitare ad una riflessione sui dati riguardanti la disoccupazione giovanile in Italia. La fonte di questi dati e il Sole 24 Ore . La disoccupazione ha raggiunto in Italia il masimo dal 2001.
Il livello é in linea con la media Europea, il dato tuttavia non conforta se si considera che prima della crisi la maggior parte delle nazioni europee hanno avuto un livello basso di disoccupazione, con conseguente crescita dell'economia nello stesso periodo, cosa che non è avvenuta in Italia.

Thursday, May 27, 2010

Le parole che Silvio non ci disse prima delle elezioni

Non molti mesi fa il Governo si è più volte autoproclamato a capo della nazione nella miglior situazione durante questa recessione. Ovviamente il merito di chi è stato? Lo sappiamo bene dai giornali....

Italia meglio di Gran Bretagna, Italia non coinvolta dalla recessione, eccetera, eccetera, eccetera. Improvvisamente, dopo le elezioni regionali, ovviamente vinte dalla coalizione al Governo, spunta fuori che anche l'Italia ha bisogno di una manovra correttiva. Berlusconi ha addirittura affermato che occorre reagire, in Italia abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. Strano tutto sia cambiato cosi tanto rispetto alla fine di Marzo, quando si tennero le elezioni.

Wednesday, May 26, 2010

Dublino 26esima al mondo per qualità della vita

Secondo una indagine di un gruppo di ricerca indipendente, Mercer, Dublino si colloca al 26esimo posto per qualità della vita a livello mondiale e 17esimo a livello europeo, meglio di Londra, Parigi e Milano. Roma non appare nelle prime 50 città al mondo e, purtroppo, non ne sono sorpreso.

Tuesday, May 25, 2010

Una brutta avventura di un italiano a Dublino

Come cercare una camera o un appartamento a Dublino

Il caro buon Bacco mi ha segnalato stamane un post su irlandando, la storia di una disavventura di un connazionale truffato durante la ricerca di un alloggio nella capitale celtica.

Sono molto dispiaciuto per la vicissitudine di cui questo ragazzo è stato vittima, mi farebbe piacere poter aiutare, quindi ho deciso di pubblicare il suo racconto. Sulla pagina del forum il protagonista della storia ha rilasciato anche delle informazioni per poter rintracciare gli ideatori della truffa. 


Thursday, May 20, 2010

Aeroporto di Salerno - Ultime news

Apprendo dal sito degli amici di Liriportal che ci sono nuove voci di corridoio riguardo l'aeroporto di Salerno Costa d'Amalfi. Sembra che Alitalia potrebbe stabilire un collegamento di linea tra Malpensa e Salerno a partire dal 1 Luglio 2010. Speriamo che questo non sia il solito caso in cui, come è accaduto fin'ora, dopo pochi mesi di attività i voli vengano misteriosamente sospesi, nonostante il grosso potenziale dello scalo salernitano.

Tuesday, May 18, 2010

Quando le forze politiche sono unite...

La classe politica del nostro paese ha molto da imparare se paragonata a quella delle più antiche democrazie al mondo, tra cui quelle del Regno Unito e degli Stati Uniti. Tralasciando il discorso corruzione ed efficienza, è innegabile che i nostri politici abbiano lacune immense in sobrietà e capacità di dialettica. E' difficile assistere ad un dibattito sano e professionale, basato su ragionamenti e non bugie se non addirittura accuse e minacce come ad esempio nel video che segue.

Wednesday, May 12, 2010

Protesta contro il Governo Irlandese finisce a colpi di manganello

Un corteo pacifico diretto ieri verso il parlamento Irlandese, in protesta contro i finanziamenti al sistema finanziario per evitare la bancarotta dei maggiori istituti finanziari del paese si è trasformato in una tentata intrusione all'entrata del parlamento. Sebbene ci siano segnali positivi per una futura ripresa, a parte le minacce di instabilità conseguenti la crisi in Grecia,

Tuesday, May 11, 2010

Se l'avete votato...

Secondo alcuni la fine del mondo sarebbe vicina e verrà nel 2012. Esistono dei segni evidenti.


Irish slang

Esistono in ogni lingua delle espressioni dialettali e non che in Inglese vengono definite sotto il termine "slang", utilizzate in discussioni informali, da giovani e non. A volte la difficoltà di comunicazione in Inglese dipendono anche dall'utilizzo di espressioni locali di un paese o di un'area del paese in cui ci si trova da parte del nostro interlocutore. Queste espressioni possono essere grammaticalmente corrette, ma non riportate nei nostri libri di scuola, o pure espressioni dialettali miste a termini non ufficiali

Monday, May 10, 2010

Imparare l'Inglese

Su alcuni blog e forum nascono spesso discussioni interessanti riguardo l'inglese, con l'emergere di domande del tipo:
  • Qual'è il paese migliore per imparare l'inglese
  • Come parlano gli Irlandesi

Sunday, May 9, 2010

Indovinello

Oggi propongo un gioco, provate ad indovinare dove é stata scattata questa foto. Se entro domani alle 22 nessuno mi dá la risposta giusta, il nome del luogo sará rivelato da me stesso, visto che sono l'autore dello scatto.

Wednesday, May 5, 2010

Economia Irlandese - Maggio 2010


La commissione Europea prevede l'Economia Irlandese crescerà del 3% nel 2011 mentre il 2010 chiuderà con una leggera contrazione del PIL.

Per chi vive in Irlanda il termine che nessuno riesce a togliersi dalla mente è probabilmente NAMA, l'agenzia che il governo ha fondato per gestire l'ammasso di crediti per i quali gli istituti bancari riscontrano difficoltà di recupero. I prestiti vengono spostati dai libri correnti bancari all'agenzia con uno sconto contro il valore nominale degli stessi che varia tra il 30-35% ed il 50-58% come nel caso di Anglo Irish Bank ed Irish Nationwide

Tuesday, May 4, 2010

Il senso dello Stato

Scajola lascia il Governo, si deve difendere
Ha dichiarato la sua casa forse é stata pagata da altri

L'immobile é stato forse acquistato con fondi neri
Ma Scajola non era a conoscenza di tutto ció

Lui si che era un ottimo ministro
Lavorava cosi tanto che non si é reso conto di questo regalo
Cosi impegnato per lo Stato che é stato beffato

Che senso dello Stato che ha
Lascia la sua carica per dedicarsi alla ricerca del misterioso acquirente

Anche un uomo come lui, cosi produttivo non puó essere ministro ed investigare allo stesso tempo

Berlusconi lo ha detto, va via un Ministro capace
Chissá come non abbia fatto a rendersi conto di non aver pagato

Apparentemente non é produttivo come Berlusconi
Lui non lascia il Governo per occuparsi dei propri processi
E ne ha davvero tanti, fortuna che ci sono uomini come Silvio

Intanto nascono gruppi di supporto a Scajola
Secondo alcuni l'ex ministro é un benefattore

Il dubbio é grande, Scajola illuminaci tu
Hai pagato? In parte o in tutto?

Se sei un vero benefattore, hai qualcosa per noi?

Infrastrutture Irlandesi

L'Irlanda di venti anni fa era un paese estremamente diverso da quello che appare oggi. Dipendente da un'economia prevalentemente rurale, scarse infrastrutture ed una classe politica sotto una forte influenza imposta dalla Chiesa.

Venti anni fa non molti avrebbero immaginato un'Irlanda futura così com'è oggi nel 2010. Seppur sconvolta da questa recessione globale e da scandali interni al settore bancario, il paese é moderno e continua a svilupparsi.

I trasporti nella capitale non sono all'altezza di capitali europee come Londra o Berlino, é evidente e non si é mai cercato di nasconderlo, in compenso la città non si estende su una superficie eccessivamente vasta, di conseguenza molti di quelli che vivono nella capitale affrontano giornalmente spostamenti di durata non smisurata.

Thursday, April 29, 2010

Ultimissime

Berlusconi ha chiesto la testa di Bocchino
Si stá spostando all'altra sponda?

Fini sostiene, altro che partito dell'amore!
Chi ha ragione?

Il Cavaliere ha promesso che faranno i conti
Saranno 1000 euro a notte anche con lui?

Aborto, pronto un disegno di legge per i farmacisti obiettori
Non ne esiste uno per i soldati obiettori?

Scuola, esiste una soluzione alla mancanza di fondi
Bocciare tutti gli alunni

A Catania invece esiste la soluzione alla napoletana
mazzate e panelle fanno i figli belli (schiaffi e pane fanno i figli belli)

Milano, la metró é sporca e malandata
Non era solo un problema di Napoli?

Friday, April 23, 2010

Roberto Saviano non scende in politica

Roberto Saviano ha partecipato ad una videochat organizzata dal Corriere durante la quale ha rilasciato una serie di dichiarazioni importanti sulla politica ed inoltre ha risposto alle domande di alcuni lettori.

Il video dura poco meno di un'ora, vi consiglio vivamente di trovare il tempo di seguirlo. É estremamente interessante e ricco di spunti riflessivi.


Riassumo alcuni dei punti essenziali:

Minuto 10 - La legalitá deve convenire
               
Saviano sostiene che la legalitá dovrebbe essere un valore aggiunto per le aziende, non un semplice dovere, o peggio, un ostacolo. Quando per aprire una attivitá occorre andare attraverso una serie infinita di procedure, spendendo tempo e denaro, e la camorra ti offre la possibilitá di saltare alcuni o tutti i passaggi, é inevitabile che gli imprenditori si rivolgano alla camorra o ai politici corrotti.

Minuto 12 - Sistema scolastico

I suoi libri portano il lettore suoi luoghi dove la camorra opera, i suoi libri hanno reso una situazione particolare universale. Le organizzazzioni criminali hanno fascino, dobbiamo ammetterlo. Belle donne, belle auto. Al di lá del riforme scolastiche, la scuola puó far molto. I professori potrebbero istruire i giovani, spiegare che tutto quello lo si puó pagare passando 10 anni in galera o finendo sottoterra.

Minuto 19 - Il futuro dei giovani italiani

In passato chi meritava raggiungeva un buon posto, non sempre ma alcuni ci riuscivano, combattendo con quelli che avevano conoscenze importanti. Oggi non é piú possibile. Oggi nessuno o quasi nessuno di quelli che meritano riesce ad avere successo. I giovani stanno fuggendo, dal Sud e dall'Italia stessa. Questo incattivisce. Quando qualcuno ha un bel posto di lavoro la maggior parte delle persone é sicura che lo abbia ottenuto grazie ad un favore.


Minuto 21 - Chi resta in Italia?
Solo il rassegnato, il compromesso o il mistico che riesce a resistere. Il sogno di Saviano é una politica che consenta il ritorno della parte migliore dell'Italia.

Minuto 25 - Non entro in politica 

Non entro in politica perché non c'é spazio per una politica pulita. Questo governo si ha il merito d'aver sequestrato ingenti somme alle associazioni criminale, ma queste sono associazioni criminali giá indebolite ed i crimini sono stati commessi anni fa. Quello che adesso, in questo istante le associazioni mafiose stanno commettendo verrá scoperto tra 5 o 10 anni.
Occorre una politica antidroga. Oggi non si parla di questo. La droga genera denaro per le associazioni criminali. Si parla di petrolio bianco. La mafia e la camorra italiana insegnano al mondo come gestire il narcotraffico.


Minuto 32 - Nepotismo

Il nepotismo non é da definire mafia. L'atteggiamento contribuisce al fiorire della criminalitá, ma occorre non abusare del termine.

Minuto 34 - La camorra é democratica, sta con chi vince le elezioni

Minuto 38 - Reati ambientali

Alcuni boss non volevano commettere reati ambientali ma han dovuto perché se non l'avessero fatto, l'avrebbero fatto le famiglie nemiche, le quali sarebbero poi cresciute cosi tanto da schiacciare le altre.
"Si nun u fai tu o fa nat", se non lo fai tu lo fa qualcun'altro.


Minuto 46 - La politica é finita (una delle frasi piú significative)

Oggi si dá il voto per uno scambio. Un favore qualsiasi, come una panchina sotto casa, un paletto per evitare gli automobilisti parcheggino, un aiuto in ospedale per un familiare.

Si vota per ottenere quello che il diritto non ti dá ma ti spetta, si vota per ottenere un diritto negato.
Il politico ti fa questo piccolo favore e ti toglie tutto il resto:
Scuole
Lavoro per i giovani
........

Ecco il link al video. Consiglio vivamente la visione completa.

LA VIDEOCHAT: Rivedi il faccia a faccia tra Roberto Saviano e i lettori di Corriere.it

Un'altra pagina dove é possibile seguire il video é questa:

http://www.corriere.it/cronache/10_aprile_09/saviano-videochat-corriere-politica-economia-camorra_584db79c-43e6-11df-9c20-00144f02aabe.shtml

Berlusconi Fini, discussione in diretta

Si commenta da solo






























Thursday, April 22, 2010

Roberto Saviano, la Parola contro la camorra

Roberto Saviano, l'autore del best seller internazionale Gomorra, ha pubblicato un altro libro intitolato La parola contro la camorra, un altro di quei libri che ogni italiano dovrebbe assolutissimamente leggere.
Nel video che vi propongo Saviano ci introcue al libro ed al significato intrisenco del suo titolo



Secondo Saviano non sono lo scrittore, il libro o la parola a spaventare le associazioni mafiose, bensí la diffusione della parola. Quando la conoscenza si diffonde le persone cambiano atteggiamento e le sensazioni nei confronti della camorra.
Si comincia a sentire quest'ultima come parte della propria vita, non solo quando al telegiornale viene data la notizia di una esecuzione, bensí in ogni giorno.


É la mancanza di questo atteggiamento un gran problema nella nostra cultura, dovremmo tutti smettere di pensare che fino a quando non ci viene puntata una pistola contro la criminalitá non ci tocca. Questo é un errore. La criminalitá influenza la vita di ognuno di noi ogni giorno. Le attivitá economiche non fioriscono nel nostro paese perché molte aziende e mercati sono in mano ad organizzazioni che concorrono con slealtá.


In molte zone dell'Italia per aprire un'attivitá, ad esempio un ristorante, occorre a volte informarsi se si stá per "dare fastidio" a qualcuno che é meglio non disturbare. Se si sbaglia, si paga. Se si é fortunati si viene avvertiti con la parola minacciosa, se non si ascolta si scatena la violenza. Si é fortunati se questa violenza consiste nella distruzione fisica della propria attivitá economica, con un incendio ad esempio. A volte ci scappa il morto, specialmente se si é testardi e non si vuole rifiutare. Il secondo video che propongo é un esempio di quello che vi ho appena detto




Vi lascio ora al video di Saviano riguardante la Parola contro la camorra








Far west in un bowling di Pozzuoli (senza audio). Dei ragazzini eseguono una spedizione punitiva in un bowling, sparando in presenza di famiglie e dando fuoco alla sede dell'esercizio






24.04.2010 - Il video qui sopra é stato rimosso, ecco una pagina del corriere dove é ancora possibile visualizzarlo:

Monday, April 19, 2010

Lettera di Saviano al Premier

Nei giorni scorsi il Cavaliere Silvio Berlusconi ha ripetuto le sue critiche ad uno scrittore italiano rinomato a livello internazionale, Roberto Saviano. Le sue parole cadono come pesanti macigni su un paese in mano ad una classe politica il cui primo ed unico scopo é uno solo, la protezione dei propri interessi e null'altro.

Lo scrittore ha risposto con una lettera, ne riporto qui sotto il testo per manifestare il mio supporto a Roberto Saviano.


"Il premier mi vuole zittire ma sui clan non tacerò mai"
Lo scrittore: "Assurdo preferire il silenzio, Berlusconi si scusi con le vittime". "Non so se Mondadori è ancora adatta a me"di ROBERTO SAVIANO


Presidente Silvio Berlusconi, le scrivo dopo che in una conferenza stampa tenuta da lei a Palazzo Chigi sono stato accusato, anzi il mio libro è stato accusato di essere responsabile di "supporto promozionale alle cosche". Non sono accuse nuove. Mi vengono rivolte da anni: si fermi un momento a pensare a cosa le sue parole significano. A quanti cronisti, operatori sociali, a quanti avvocati, giudici, magistrati, a quanti narratori, registi, ma anche a quanti cittadini che da anni, in certe parti d'Italia, trovano la forza di raccontare, di esporsi, di opporsi, pensi a quanti hanno rischiato e stanno tutt'ora rischiando, eppure vengono accusati di essere fiancheggiatori delle organizzazioni criminali per il solo volerne parlare. Perché per lei è meglio non dire. 
è meglio la narrativa del silenzio. Del visto e taciuto. Del lasciar fare alle polizie ai tribunali come se le mafie fossero cosa loro. Affari loro. E le mafie vogliono esattamente che i loro affari siano cosa loro, Cosa nostra appunto è un'espressione ancor prima di divenire il nome di un'organizzazione. 
Io credo che solo e unicamente la verità serva a dare dignità a un Paese. Il potere mafioso è determinato da chi racconta il crimine o da chi commette il crimine?

Il ruolo della 'ndrangheta, della camorra, di Cosa nostra è determinato dal suo volume d'affari - cento miliardi di euro all'anno di profitto - un volume d'affari che supera di gran lunga le più granitiche aziende italiane. Questo può non esser detto? Lei stesso ha presentato un dato che parla del sequestro alle mafie per un valore pari a dieci miliardi di euro. Questo significa che sono gli scrittori ad inventare? Ad esagerare? A commettere crimine con la loro parola? Perché? Michele Greco il boss di Cosa Nostra morto in carcere al processo contro di lui si difese dicendo che "era tutta colpa de Il Padrino" se in Sicilia venivano istruiti processi contro la mafia. Nicola Schiavone, il padre dei boss Francesco Schiavone e Walter Schiavone, dinanzi alle telecamere ha ribadito che la camorra era nella testa di chi scriveva di camorra, che il fenomeno era solo legato al crimine di strada e che io stesso ero il vero camorrista che scriveva di queste storie quando raccontava che la camorra era impresa, cemento, rifiuti, politica. 


Per i clan che in questi anni si sono visti raccontare, la parola ha rappresentato sempre un affronto perché rendeva di tutti informazioni e comportamenti che volevano restassero di pochi. Perché quando la parola rende cittadinanza universale a quelli che prima erano considerati argomenti particolari, lontani, per pochi, è in quell'istante che sta chiamando un intervento di tutti, un impegno di molti, una decisione che non riguarda più solo addetti ai lavori e cronisti di nera. Le ricordo le parole di Paolo Borsellino in ricordo di Giovanni Falcone pronunciate poco prima che lui stesso fosse ammazzato. "La lotta alla mafia è il primo problema da risolvere ... non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione ma un movimento culturale e morale che coinvolga tutti e specialmente le giovani generazioni le spinga a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale della indifferenza della contiguità e quindi della complicità. Ricordo la felicità di Falcone quando in un breve periodo di entusiasmo mi disse: la gente fa il tifo per noi. E con ciò non intendeva riferirsi soltanto al conforto che l'appoggio morale dà al lavoro dei giudici, significava soprattutto che il nostro lavoro stava anche smuovendo le coscienze". 

Il silenzio è ciò che vogliono. Vogliono che tutto si riduca a un problema tra guardie e ladri. Ma non è così. E' mostrando, facendo vedere, che si ha la possibilità di avere un contrasto. Lo stesso Piano Caserta che il suo governo ha attuato è partito perché è stata accesa la luce sull'organizzazione dei casalesi prima nota solo agli addetti ai lavori e a chi subiva i suoi ricatti. 
Eppure la sua non è un'accusa nuova. Anche molte personalità del centrosinistra campano, quando uscì il libro, dissero che avevo diffamato il rinascimento napoletano, che mi ero fatto pubblicità, che la mia era semplicemente un'insana voglia di apparire. Quando c'è un incendio si lascia fuggire chi ha appiccato le fiamme e si dà la colpa a chi ha dato l'allarme? Guardando a chi ha pagato con la vita la lotta per la verità, trovo assurdo e sconfortante pensare che il silenzio sia l'unica strada raccomandabile. Eppure, Presidente, avrebbe potuto dire molte cose per dimostrare l'impegno antimafia degli italiani. Avrebbe potuto raccontare che l'Italia è il paese con la migliore legislazione antimafia del mondo. Avrebbe potuto ricordare di come noi italiani offriamo il know-how dell'antimafia a mezzo mondo. Le organizzazioni criminali in questa fase di crisi generalizzata si stanno infiltrando nei sistemi finanziari ed economici dell'occidente e oggi gli esperti italiani vengono chiamati a dare informazioni per aiutare i governi a combattere le organizzazioni criminali di ogni genealogia. E' drammatico - e ne siamo consapevoli in molti - essere etichettati mafiosi ogni volta che un italiano supera i confini della sua terra. Certo che lo è. Ma non è con il silenzio che mostriamo di essere diversi e migliori.

Diffondendo il valore della responsabilità, del coraggio del dire, del valore della denuncia, della forza dell'accusa, possiamo cambiare le cose.

Accusare chi racconta il potere della criminalità organizzata di fare cattiva pubblicità al paese non è un modo per migliorare l'immagine italiana quanto piuttosto per isolare chi lo fa. Raccontare è il modo per innescare il cambiamento. Questa è l'unica strada per dimostrare che siamo il paese di Giovanni Falcone, di Don Peppe Diana, e non il paese di Totò Riina e di Schiavone Sandokan. Credo che nella battaglia antimafia non ci sia una destra o una sinistra con cui stare. Credo semplicemente che ci sia un movimento culturale e morale al quale aspirare. Io continuerò a parlare a tutti, qualunque sarà il credo politico, anche e soprattutto ai suoi elettori, Presidente: molti di loro, credo, saranno rimasti sbigottiti ed indignati dalle sue parole. Chiedo ai suoi elettori, chiedo agli elettori del Pdl di aiutarla a smentire le sue parole. E' l'unico modo per ridare la giusta direzione alla lotta alla mafia. Chiederei di porgere le sue scuse non a me - che ormai ci sono abituato - ma ai parenti delle vittime di tutti coloro che sono caduti raccontando. Io sono un autore che ha pubblicato i suoi libri per Mondadori e Einaudi, entrambe case editrici di proprietà della sua famiglia. Ho sempre pensato che la storia partita da molto lontano della Mondadori fosse pienamente in linea per accettare un tipo di narrazione come la mia, pensavo che avesse gli strumenti per convalidare anche posizioni forti, correnti di pensiero diverse. Dopo le sue parole non so se sarà più così. E non so se lo sarà per tutti gli autori che si sono occupati di mafie esponendo loro stessi e che Mondadori e Einaudi in questi anni hanno pubblicato. La cosa che farò sarà incontrare le persone nella casa editrice che in questi anni hanno lavorato con me, donne e uomini che hanno creduto nelle mie parole e sono riuscite a far arrivare le mie storie al grande pubblico. Persone che hanno spesso dovuto difendersi dall'accusa di essere editor, uffici stampa, dirigenti, "comprati". E che invece fino ad ora hanno svolto un grande lavoro. E' da loro che voglio risposte.

Una cosa è certa: io, come molti altri, continueremo a raccontare. Userò la parola come un modo per condividere, per aggiustare il mondo, per capire. Sono nato, caro Presidente, in una terra meravigliosa e purtroppo devastata, la cui bellezza però continua a darmi forza per sognare la possibilità di una Italia diversa. Una Italia che può cambiare solo se il sud può cambiare. Lo giuro Presidente, anche a nome degli italiani che considerano i propri morti tutti coloro che sono caduti combattendo le organizzazioni criminali, che non ci sarà giorno in cui taceremo. Questo lo prometto. A voce alta.
©2010 Roberto Saviano/
Agenzia Santachiara

Fonte: Repubblica

Sunday, April 18, 2010

Ultimo saluto al Presidente della Polonia Lech Kaczyński e sua moglie Maria

Il 10 Aprile 2010 l'aereo presidenziale polacco colmo di rappresentanti delle piú alte istituzioni del paese, incluso il Presidente della Polonia e sua moglie, é precipitato in volo poco prima dell'atterraggio a Smolensk. La delegazione era attessa alla cerimonia di commemorazione del massacro di Katyn operato dal regime comunista sovietico.

Oggi si son tenuti a Cracovia i funerali di stato del Presidente e sua moglie Maria. Le piú alte cariche di stato di mezzo mondo, incluso il presidente degli Stati Uniti Obama avevano manifestato l'impegno a partecipare. Purtroppo molti di essi sono stati impediti dalla chiusura dello spazio aereo su gran parte dell'Europa a scopo precauzionale vista la presenza di una nube di ceneri provenienti dal vulcano islandese Eyjafjallajökul. Nonostante la loro assenza la manifestazione di impegno é tuttavia molto significativa per questo paese flaggellato da guerre e dittature nel corso della sua storia.

Saturday, April 17, 2010

Prefazione

Questo blog non é per chi non sa far altro che ripetere le voci del coro come pecore, voci alimentate dai mezzi di comunicazione.

Chi non é oggettivo e sforna falsitá, aprendo la bocca senza avere conoscenza dell'argomento di cui discute, dá fastidio come il frastuono di un treno che cerca di fermarsi bloccando le proprie ruote ad alta velocitá. Si proprio quel rumore lí. Intollerabile.

Libertá di espressione non equivale a libertá di esternare odiozie. Chi dice idiozie lo fa per due motivi, perché é stupido o perché é bugiardo. In quest'ultimo caso trattasi di furbizia.

Questo blog non é per postare tutte le stupidaggini che intraprendo, come é abitudine di tanti oggi sui social networks e non, pubblicando centinaia e centinaia di foto per ostentare le propria gesta, i luoghi visitati, le fighe o i maschioni conosciuti, le sbornie ed ogni sorta di momento personale a tutta l'umanitá, come se l'invidia degli altri, in particolare degli sconosciuti, porti ad un miglioramento effettivo della propria vita.

Questo blog é per quelli che sono dalla parte della veritá.
Questo blog é per discussioni costruttive e basate sulla conoscenza.

Le opinioni sono appunto opinioni, ma non sono la realtá. É necessario precisarlo per coloro che ancora non hanno percezione della differenza tra opinione e realtá.

Benvenuti a tutti
Sono un mezzosangue a Dublino

Condividi questo post con i tuoi amici!!